Non ce la raccontano giusta

by Sanghino 20. luglio 2012 10:28

La "battaglia" in corso per questo benedetto aeroporto vede come protagonisti Renzi, Rossi, Barducci e Gianassi. Ogni persona si sarà fatta la propria idea ormai, ci sarà chi vuole la pista com'è adesso, chi la vuole parallela, chi obliqua .... manca solo chi la proponga come "rotonda" visto che vanno tanto di moda negli ultimi anni.
Ogni attore di questa "commedia" (si perchè ormai siamo alle risate) respinge con veemenza le proposte altrui accampando le più fantasiose giustificazioni. "E' meglio così perchè .... No è meglio nell'altro modo per lo stesso motivo ....", insomma, capirete bene, siamo di fronte alle solite cose fatte all'italiana.
Oggi per esempio mi ha fatto sorridere un articolo dove viene descritto nei particolari uno studio esteso sull'impatto della pista "obliqua convergente" come indicata da ENAC. Lo studio evidenzia in particolare i casi eccezionali e non l'ordinaria quotidianità. Leggendolo mi sono detto: "Caspita è la stessa cosa che dicevo io riguardo la pista attuale". Si perchè così com'è adesso i disagi vengono sempre attribuiti agli abitanti di Peretola e Brozzi (ordinari) mentre mai agli abitanti di Quinto (eccezioni). Eppure il Presidente della Provincia è stato anche Sindaco di Sesto. Mi chiedo come mai a suo tempo non si sia interessato a queste eccezioni per "difendere" i propri cittadini. Ma del resto anche il Sindaco attuale fa lo stesso ...

Insomma, alla fine si discute tanto ma ancora nessuno ci ha illustrato realmente quali sono gli interessi in gioco. Di sicuro sicurezza e salute dei cittadini occupano posizioni molto basse nella classifica. Io, se siete d'accordo, metterei al primo posto la voce "Interessi di natura politica". Da entrambe le parti si intende, non escludo nessuno. Come sempre accade, quando politica e amministrazione locale si intrecciano nasce sempre un guazzabuglio. 

Tags: , , , , ,

Quinto:Terra di Mezzo

by Sanghino 26. aprile 2011 21:21

A più riprese a riguardo dell'aeroporto ho espresso perplessità in quanto la mia impressione è che Quinto, nelle sue espressioni "Alto" e "Basso", sia dienticato ... di sicuro mai rammentato. E questo mi rende piuttosto perplesso.

Oggi leggo di polemiche circa la definizione delle aree di raccolta della popolazione in caso di emergenza ... polemiche che nascono proprio dall'esclusione anche in questo caso delle due frazioni di Quinto. Certo ci saranno delle ragionevoli spiegazioni, ma chi le conosce ?!? Io no. Però ogni volta sembra quasi che Quinto, come da titolo, sia una "Terra di Mezzo", un cuscino fra Firenze e Sesto, che meriti poca attenzione.

C'è chi conosce i criteri con cui sono state scelte alcune zone rispetto ad altre ?

Per concludere una nota positiva: sembra che abbiano inizio opere di asfaltatura, meno male perchè alcune strade iniziano veramente ad essere troppo pericolose, specialmente per chi guida mezzi a due ruote.

Tags: , ,

Ammalarsi di rumore

by Sanghino 22. aprile 2011 15:30

"un recente studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Europa ha accertato infatti, che l’inquinamento acustico e il rumore da traffico urbano hanno gravi ripercussioni sulla salute, secondi solo all'inquinamento dell'aria. Il livello acustico delle metropoli, si legge nel report, nei Paesi occidentali è responsabile di oltre un milione di anni di vita persi, per malattia, disabilità o mortalità prematura."

Questo mi pare un buon motivo per trovarsi sostanzialmente favorevole a non avere più aerei che passano sopra la mia testa .... anche questo è inquinamento ed evidentemente molto dannoso. Perchè mai una considerazione del genere viene fatta per quei cittadini che già "subiscono" questo trattamento ?

Fonte - Link:
Case alla prova del silenzio 

Tags: , , ,

Commissione Mensa

by Sanghino 21. aprile 2011 13:59

Le persone che hanno figli in età scolare conosceranno dettagliatamente le problematiche relative al servizio di refezione scolastica. Molti di questi aspetti problematici vengono affrontati ogni anno dalla Commissione Mensa la quale ha la rappresentanza anche dei genitori degli alunni.

Volevo segnalarvi l'esistenza diun gruppo su Facebook: "SanaMensa". Nel mese di aprile si è svolto un interessante incontro a Quinto Basso ed il resoconto degli interventi lo potete trovare qui.

Tags: , , ,

Parco, aeroporto e ambiente: spunti e riflessioni

by Sanghino 12. aprile 2011 23:59

Nei giorni scorsi mi era capitata fra le mani una copia della pubblicazione periodica dell'Amministrazione Comunale che viene recapitata a tutte le famiglie. Com'era facilmente intuibile molto spazio è dedicato alla questione "Peretola".

La questione viene affrontata da diverse persone e personalità. A risaltare fra tutti è l'intervento del Sindaco Gianassi.
Premetto che io ho la mia opinione, ma non ho i mezzi, o per lo meno non ritengo di averli, per potermi definire convinto di una scelta piuttosto che di un'altra. E allora vediamo di rissumere un po' quello che ho capito e quello che non ho capito.

Partiamo da un presupposto: nessuno, ripeto, nessuno vuol avere gli aerei che sorvolano a bassa quota la propria abitazione. Alcuni giorni fa ho letto dei commenti ad alcuni articoli sui quotidiani su questo argomento veramente sciocchi, del tipo "cambia casa", "quando ci sei andato a vivere lo sapevi". Questa, passatemi il termine, è idiozia e non rispetto per il prossimo. I motivi per cui una persona con la propria famiglia si sia ritrovata ad abitare nelle zone di sorvolo possono essere i più disparati: e nessuno, non conoscendo questi motivi, si può permettere di giudicare gli altri. Premesso questo non è possibile impedire alle persone la ricerca di un modo di vivere migliore, è quindi comprensibile che gli abitanti di Peretola, Brozzi e Quaracchi siano favorevoli ad un diverso orientamento della pista. Qui però mi preme fare una puntualizzazione. Anche se in maniera minore anche gli abitanti di Quinto avrebbero le loro buone ragioni per protestare in quanto nelle giornate di vento il decollo degli aerei avviene in direzione Monte Morello. Non ho statistiche alla mano, ma vivendo il quartiere posso garantire che non sono pochi.

La Regione Toscana di recente ha determinato che la soluzione "Pista Parallela" potrebbe essere la soluzione giusta, il Sindaco di Firenze Renzi si è detto in accordo con questa indicazione, mentre i Sindaci della Piana, insieme alle Province di Firenze e Prato, hanno opposto un secco "niet". Credo di aver compreso le motivazioni di Renzi, mentre faccio fatica a capire completamente le motivazioni degli altri attori. Per Prato fatico a capire in quanto mi pare di comprendere che le motivazioni portate siano di natura ambientale e quindi inquinamento acustico e non, ma la distanza dalla pista della città di Prato mi pare che sia notevolmente superiore rispetto a ciò che avviene oggi nei confronti ad altri insediamenti urbani. Anche gli altri Sindaci parlano di ambiente, ma è qui che non capisco mettendo a confronto queste posizioni con certe scelte che sembrano in perfetto contrasto. Mi viene il sospetto che alcuni particolari non siano troppo pubblicizzati.

Come dicevo prima, personalmente ho difficoltà a prendere una posizione. Egoisticamente parlando direi che la soluzione "Pista Parallela" potrebbe tornarmi utile perchè ciò determinerebbe la cessazione dei sorvoli sulla mia testa. Qualche giorno fa, alle 20 circa ero in terrazzo al telefono, un aereo in partenza (neanche verso Monte Morello, ma essendo molto vicino alla pista anche partendo dall'altra parte quando danno tutta manetta per il decollo il rumore sale in maniera impressionante, fenomeno maggiormente subito da chi abita ai piani più alti) mi impediva di udire il mio interlocutore. E comunque, a parte il rumore, avere aerei sulla testa a poche decine di metri non è propriamente una cosa ti "rassicura". E questi come dicevo sono gli aspetti egoistici.

Qui devo fare un piccolo appunto al Sindaco di Sesto in quanto negli ultimi periodi non ho mai letto o sentito due parole di comprensione verso i propri concittadini che comunque "subiscono" la posizione intransigente dell'Amministrazione Sestese. E questo, sinceramente, è molto spiacevole.

Per quello che ho compreso il fronte del no giustifica la propria posizione asserendo che non è possibile posizionare la pista in maniera parallela in quanto verrebbe meno la possibilità di realizzare il famigerato "Parco della Piana". Dico famigerato in quanto ne sento parlare da anni senza poterne vedere i frutti in maniera reale. Comunque a questo punto della storia volevo cercare di comprendere a quale punto si era giunti nella discussione, pianificazione e progettazione del Parco. La mia attenzione si è rivolta quindi al sito www.parcodellapiana.it dove si trovano molte informazioni, ma purtroppo, almeno per me, di difficile comprensione (specialmente le cartine). Trovandomi quindi con dati reali limitati mi posso limitare a sole elucubrazioni mentali, probabilmente ingenue, ma questo è quanto posso fare.

Il primo pensiero che mi è circolato in testa è stato: adesso l'aeroporto copre una supeficie, diciamo per convenzione, pari a 100, se girassero la pista e la allungassero leggermente questa potrebbe passare, non so, a 120 ? E se l'attuale pista venisse successivamente smantellata e recuperata si avrebbe una perdita netta di soli 20 ? Se così fosse non credo che il progetto "Parco della Piana" sarebbe a rischio, ma evidentemente così non è. O meglio c'è chi dice che è così e chi lo nega, chi ascoltare ?

Un altro aspetto che spesso viene tirato in ballo è il potenziamento dei collegamenti con Pisa per rendere il Galilei il vero terminal per Firenze e tutta la parte "continentale" della Regione Toscana. Purtroppo ad oggi, e ancor di più nel momento dell'entrata a regime dell'Alta Velocità, è più veloce raggiungere Bologna piuttosto che Pisa. Bisognerebbe realizzare una linea ferroviaria veloce, senza fermate, ex-novo probabilmente e questo mi par di capire abbia dei costi enormi e difficilmente sostenibili dalle casse degli Enti Pubblici. Olter a questo credo che ci sarebbero anche difficoltà di ordine temporale, nel senso che sarebbe comunque un'opera che tra pianificazione, progettazione e realizzazione potebbe essere a regime non prima di 15 o 20 anni (visione ottimistica la mia).

E poi c'è il discorso della pista troppo dentro la città. Anche questo però mi sembra un discorso di scarsa utilità, nel senso che è vero che le grandi città hanno gli scali fuori dal tessuto urbano, ma è altresì vero che ci sono città che hanno piste quasi in centro. Per esempio Londra ha il "London City Airport" dentro la città e questo è un impianto più o meno della stessa categoria di quello di Firenze. E di esempi in questo senso ce ne sarebbero molti altri.

Altro aspetto da considerare nel contesto è quello riguardante l'inceneritore (guardate, proprio per rispetto dell'ambiente e della salute pubblica mi viene proprio difficile chiamarlo "termovalorizzatore"), ma anche qui non riesco a capire impatti e conseguenze.

Per concludere questa prima riflessione io vedrei bene una soluzione di questo tipo: a Firenze nuova pista parallela allungata dello stretto necessario per la sola messa in sicurezza e utilizzo dello scalo prettamente per voli nazionali ed europei, elevazione di Pisa a terminal intercontinentale. E ripeto ancora, questa mia soluzione è più frutto di dubbi che non di certezze. Quindi se tra voi lettori ci fosse qualche volenteroso disposto a farmi capire ... sappiate però che non mi piacciono le posizioni "talebane", se deve essere discussione che lo sia nel vero senso della parola.

Tags: , , , , ,

news | Politica

Quanto sarà lunga questa pausa ?

by Sanghino 9. marzo 2011 14:11

Leggo oggi sul portale del Comune di Sesto della richiesta fatta da tutti i Sindaci della Piana al Presidente della Regione Toscana in merito alla nuova collocazione della pista di atterraggio di Peretola.

Gli Amministratori chiedono una pausa di riflessione ... bene dico io, riflettere non fa mai male, ma quanto sarà lunga questa pausa ? Quanti treni ancora dovremo perdere per l'immobilismo dilagante che ci porta ad una deriva sociale ed economica ? Questo, per me ovviamente, è un grandissimo interrogativo.

La richiesta alla regione Toscana giunge tramite una lettera che potete leggere qui, cito testualmente un passo: "sorvolo a bassa quota di porzioni significative della città di Prato. Tutto questo ci fa e ci farà argomentare il nostro dissenso.". Comprendo benissimo il disappunto dei cittadini pratesi, ma chi abita a Peretola o Brozzi, oppure anche chi abita a Quinto invece deve essere contento del sorvolo a bassa quota degli aerei ?!? Non essendoci stato il Sindaco di Firenze immagino mancasse il difensore d'ufficio della zona fiorentina di sorvolo, ma l'Amministrazione sestese c'era e allora avrei letto volentieri un accenno anche all'abitato di Sesto ... ma dalla vita tutto non si può avere, bisogna anche sapersi accontentare.

 

Link:
Aeroporto, i Comuni della Piana e le Province di Firenze e Prato chiedono "una pausa di riflessione"

Tags: , , , ,

La quiete …

by Sanghino 26. aprile 2010 11:35

Certo che si fa veramente presto ad abituarsi alla quiete ed alla tranquillità … anche sopra la propria testa.

 

Aereo_Decollo

Eppure basterebbe così poco (a parte riaccendere il vulcano in Islanda ovviamente) … ma manca la volontà, o meglio questa volontà contrasterebbe con i “disegni politici” e, come ormai è chiaro, bisogna essere “fedeli alla linea” prima ancora che alla sicurezza e al quieto vivere dei propri concittadini … Ma noi siamo “piccoli” e ragioniamo in piccolo … quindi: turarsi il naso e via in immersione. Bona Hugo !!!!

Tags: , , ,

Pista parallela e parco verde. Si possono fare

by Sanghino 5. maggio 2009 11:53

Peretola1 Così titola oggi La Nazione illustrando il progetto allo studio del Consiglio Regionale e, viene aggiunto poi, "possibile prevedere anche lo Stadio". Tutto questo ovviamente cozza con quello che fino ad oggi ha proposto l'Amministrazione Sestese.Peretola2

Da una parte mi è abbastanza semplice comprendere perchè la Regione "spinga" per uno sviluppo del Vespucci (Turismo, Commercio, riclassificazione degli scali italiani, ecc.), mi è meno comprensibile il motivo di una cosi ferma posizione da parte di Sesto Fiorentino. Certo io credo che molti dei residenti di Quinto sarebbero ben lieti di non "salutare" più tutte quelle persone che lasciano Firenze sorvolando le loro teste.

Certo è che Sesto Fiorentino ha meno interesse dal punto di vista turistico, ma ciò non credo giustifichi la posizione, se poi la Regione assicura che il Parco della Piana non subirà particolari ridimensionamenti, allora dico io, parliamone. Consideriamo poi che l'area attualmente occupata dalla pista con molte probabilità verrà recuperata e potrebbe finire per compensare lo spazio perso per la nuova collocazione.

Rimango comunque ancora perplesso, mi piacerebbe conoscere meglio le motivazioni. Qualcuno ne sa di più ?

Tags: , ,

Aeroporto, inceneritore, cementificazione, parco della piana ed inquinamento

by Sanghino 14. maggio 2008 16:03

Sarò di sicuro un ingenuo, ma nella mia ingenuià  a volte mi pongo delle domande. Una di queste domande mi è venuta dopo che ho letto le dichiarazioni del Sindaco Gianassi a seguito del ritorno di fiamma sulla ipotetica nuova pista di Peretola.

Gianassi, giustamente, dice che la Piana ha bisogno di ossigeno e che quell'eventuale pista cadrebbe in un area ormai destinata ad accogliere una porzione del Parco della Piana. E questo mi torna, la difesa del territorio, e della salute dei cittadini, come bene primario. Però mi chiedo perchè con l'inceneritore non si ha la stessa fermezza ? Forse si avrebbe meno inquinamento rispetto agli aerei ? E perchè rendere edificabili (e poi edificare) quasi tutto il restante territorio comunale pianeggiante ? D'avanti all'Ipercoop e fino al Polo Universitario c'è tanto posto, ma ben presto sarà tutto occupato da edifici, per quello che ne posso sapere. Non porterà nuovo inquinamento l'aumento di popolazione, di attività commerciali, di uffici ? 1000 abitanti in più come minimo portano in dote altrettanti veicoli circolanti.
Ed ancora, le statistiche che leggo indicano che il 90% circa dei voli partono ed atterrano da/verso Peretola ed il restante da/verso Quinto Basso. Visto che atterrare con il vento in coda, per quello che ho capito è un problema (come partire) e se le percentuali sono date sulla somma di partenze e arrivi,
partenze(50%)+arrivi(50%) = 100%
arrivi da Quinto = 0% (o quasi)
partenze verso Quinto = 20% delle partenze = 10% del totale
eppure, che io sappia, mai è stato chiesto ai residenti circa l'inquinamento acustico. Oppure quello non conta ? Si legge che un'eventuale pista parallela all'autostrada potrebbe limitare i disagi per la popolazione ed aumentare la sicurezza dello scalo stesso, si legge anche che con un eventuale soluzione del genere, la vecchia pista verrebbe dismessa. Mi chiedo, se la nuova farebbe perdere un pezzo di parco, non si potrebbe recuperare con lo spazio lasciato libero dalla vecchia ? Eppure tutti chiaccherano, tutti dicono le proprie ragioni, ma nessuno, come sempre, da delle risposte ...

Tags: , , , ,

Luna Park: cambio di rotta

by Sanghino 7. novembre 2005 14:42

Sembra che l'amministrazione fiorentina abbia deciso di mantenere per il momento il Luna Park al parco delle Cascine anche se su di una superficie ridotta rispetto al passato. Tutto questo perchè una parte dei lavori della tramvia che interesseranno la zona sono slittati di sei mesi.
Questa mattina ancora non erano stati rimossi gli striscioni di protesta al parcheggio di via Sestese, quindi forse al momento ancora manca l'ufficialità della notizia.

Tags: , ,

Calendar

<<  novembre 2017  >>
lumamegivesado
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910

View posts in large calendar

RecentComments

Comment RSS
Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché non viene aggiornato con periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scrtto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Le opinione espresse qui rappresentano il mio personale punto di vista e di eventuali collaboratori e non rappresentano in nessun modo l'opinione delle Società o degli Enti che potrebbero essere citate e/o descritte. L'intestazione del blog contiene tre immagini tratte da Wikipedia e rielaborate, tali immagini sono coperte da licenza "GNU Free Documentation License" disponibile qui che ne garantisce la libera copia, distribuzione ed elaborazione avendo, Wikipedia, avuto dal soggetto che detiene i diritti (from the municipality of Sesto Fiorentino to it.wikipedia) la possibilità riservate dalla licenza sopra descritta (rif. Immagine stemma comunale). L'immagine della Porcellana di Doccia è sempre coperta dalla licenza sopra descritta con la limitazione dell'indicazione obbligatoria del licenziatario che è Sailko. L'immagine della Chiesa di S.Martino è sempre coperta dalla licenza sopra descritta ed è da attribure a Vignaccia76

© Copyright 2017 SestoFiorentino.Info