https://canlitv.center/

Le scuole di Sesto come quelle di Bolzano... sarà  mai possibile?

by Sanghino 31. October 2007 21:35

Capita spesso, girando per la rete, di imbattersi in cose curiose e strane. Fortunatamente non è raro che si scoprano cose che, a guardarle con occhi di cittadini inermi, possano sembrare quasi irreali, delle favole moderne.

In effetti, pensando alla questione BIMBO CARD di cui parlava sanghino nei posts precedenti, la card elettronica che si scarica facendo una crocetta a penna su un foglio di carta (queste si che sono favole), quello che sto per scrivere può sembrare veramente irreale. Non lo è però per gli studenti italiani della Provincia Autonoma di Bolzano!!

Sapete quanti soldi (nostri) spendono le scuole solo per le licenze di Windows e Office? A Bolzano circa 270.000 euro l'anno. Grazie a FUSS ora ne spendono solo 27.000 per la sola manutenzione. FUSS non è altro che una distribuzione Linux creata appositamente per l'utilizzo da parte degli studenti, con tanto di suite office gratuita (open office), software didattici pronti all'uso e una sezione amministrativa per l'insegnante. Quello che si fa a scuola può essere ripetuto grazie ad un CD-ROM che gratuitamente viene dato allo studente. Il dischetto contiene una versione utilizzabile sia direttamente senza installazione che il programma per installare il tutto sul proprio disco fisso.

La scuola deve educare alla legalità  e obbligare gli studenti ad avere office a casa per proseguire gli studi che si fanno a scuola significa istigarli al download illegale del materiale (dicono gli ideatori di questo progetto). Con FUSS non è più un problema perchè è totalmente formato da materiale open source (ovvero libero e gratuito).

Non sto a dilungarmi qui con la descrizione ma consiglio a tutti di leggere l'articolo che ho postato sul mio sito e iniziare a sperare di riuscire a far entrare FUSS anche nelle scuole dei nostri figli (anche se non ne ho. state sicuri che se li avessi vorrei FUSS nella loro scuola).

Bolzano è riuscita a risparmiare 243.000 euro l'anno di software; sicuramente una parte di questo risparmio è stato reinvestito e il resto semplicemente risparmiato. Nel nostro piccolo a Sesto potremmo proporre agli istituti scolastici di adeguarsi... che ne pensate? I commenti sono naturalmente graditi!!

Tags: ,

BimboCard: procedura da rivedere ?

by Sanghino 31. October 2007 12:09

In tempi non sospetti avevo sollevato alcune perplessità circa le "mezze" novità introdotte con il sistema automatico di gestione della refezione scolastica mediante l'uso della così detta "Bimbo Card".

Sono passati quasi due mesi dall'inizio dell'anno scolastico e basandomi sulle mie personalissime esperienze proverò a fare una revisione di quello che pensavo.

Il sistema con cui vengono rilevate le presenze è veramente modesto, altamente a rischio di errori (umanamente possibili e di sicuro senza dolo). Esperienza diretta, il mio bimbo, per malattia, non frequenta per dieci giorni, obbligo quindi di presentazione di certificato medico per la riammissione. Mi avvalgo del servizio on-line per verificare quanti pasti ancora aveva coperto e con mio stupore mi accorgo che erano stati addebitati i pasti anche nei giorni in cui non era presente a scuola. Verifico il mattino successivo che per errore qualche genitore non avesse apposto la crocetta nella casella sbagliata (al mattino quando accompagniamo alla scuola materna i bimbi dobbiamo apporre una X in corrispondenza del giorno quale espressione di volontà di fruire del pasto), nessun errore del genere. Ovviamente parte una telefonata al servizio scuola del Comune, l'addetto non trova altra giustificazione che confermare che i dati vengono forniti giornalmente dalle scuole stesse. E' palese che vi è stato un errore, perdurato nel tempo.

Io di certo non voglio puntare il dito contro il personale docente o non docente delle scuole, in quanto ritengo che siano loro stessi vittime di questo sistema "diabolico" e carente.



Ma era così complicato installare presso ogni istituto un lettore di badge e comunicare in real-time le presenze a Qualità & Servizi ?

Passiamo allo strumento che ci viene fornito per verificare (fatelo, mi raccomando !) quello che viene fatto con i nostri soldi. Non sono mai stato una cima a ragioneria, ma la lettura di una partita doppia risulta abbastanza semplice, da una parte le entrate, da una parte le uscite, ogni rigo una descrizione coerente ed esaustiva. provate a leggere quella tabella-resoconto che potete visionare on-line ! Per esempio, in quello di mio figlio, c'è un rigo relativo alla conversione di vecchi buoni cartacei con una descrizione di addebito pasto. Non è lampante quanto ancora rimane sul "conto", sia perchè gli aggiornamenti non si sa mai a quando risalgono (di sicuro non sono real-time), e poi perchè si tende a non evidenziare dati coerenti, totali in euro, addebiti e accrediti in numero pasti. Di sicuro dopo mezz'ora a ragionarci ci arriviamo, ma dico io, sono quattro dati in croce, creare un caos del genere è al limite della ... genialità.

Adesso non ci resta che andare a protestare in sede scolastica e comunale, perdendo tempo e rodendoci il fegato dalla bile.

Incrociando quanto sopra, con quello che il sito del Comune riporta come assegnazione della gara per il servizio, non posso che trarre l'unica conclusione, gran parte di quei 60 mila e rotti € sono stati buttati via.

Fra altri due mesi vedremo cosa sarà migliorato (spero non peggiorato, raschiare il fondo sarebbe ...).

Tags: , , , ,

Tutela ambientale e speranze

by 31. October 2007 10:11
Il territorio Sestese è continuamente tartassato dal punto di vista ambientale. La cementificazione di superficie è arrivata a livelli vicini alla saturazione, Monte Morello, poco adatto per costruire case è stato cementificato sotto terra, con conseguenze che molti conoscono (falde acquifere prosciugate, ecc).

La politica attuata dalle varie amministrazioni che si sono susseguite è stata quella di spingere l'espansione edilizia il più possibile, anche se è pur vero che a Sesto aree verdi urbane e giardini pubblici non mancano, ma questa non può essere una attenuante.

E' notizia odierna che un fosse che si trova fra il polo universitario e la pista di Peretola è stato inquinato probabilmente a causa del lavaggio abusivo di qualche cisterna. Una massa oleosa si è riversata nel fosso causando la moria della fauna per un lungo tratto. Si spendesse anche solo la metà della metà delle risorse che vengono impegnate a combattere l'abuso delle reti p2p (tutela di interessi privati con mezzi pubblici) per la tutela ambientale (interesse pubblico) si otterrebbero sicuramente dei grossi risultati, per tutti.

Altro spunto interessante, corredato da immagini eloquenti, lo possiamo trovare su Sestosguardo qui.

Per terminare vorrei esprimere la mia speranza (temo vana, vedi inceneritore) che da adesso in poi si pensi più a migliorare la vivibilità di Sesto (per esempio con quelle piste ciclabili che adesso sono solo una teoria) e la tutela ambientale, andando a ripristinare la dove serve quel tocco di "naturale" che ci farebbe ancora pensare di essere un paese della piana, nella piana, e non un quartiere sub-urbano di Firenze.

Tags:

[Link] Giardini pubblici ...

by 23. October 2007 12:31
C'è un interessante post di aLe su Sestosguardo, una riflessione arguta sull'uso degli spazi verdi pubblici, fateci un passaggio e lasciate il vostro commento.

Tags:

Ieri sono stato a teatro ...

by 17. October 2007 14:02
ATTORI PRINCIPALI - GIANNI GIANASSI, PIERO BOSI E I TECNICI RESPONSABILI DELL'INTERVENTO SU VIALE ARIOSTO

Devo dire che è stato veramente divertente. Secondo me in alcuni casi addirittura più comico di un film di Pieraccioni.

Trattandosi di assemblea pubblica siamo potuti intervenire nella discussione (a differenza dei consigli comunali) e ne sono uscite delle belle.

Il tratto Viale Ariosto tra la rotonda di Via dell'Osmannoro e Via Neruda/Mille diventerà in tutto simile all'altra sezione già terminata da tempo. Grande isolone centrale, che prenderà quasi metà del tratto, per "salvaguardare la sicurezza di ciclisti e pedoni".

Alla mia domanda sulla presunta sicurezza: "...ma se durante un ingorgo deve passare un'autoambulanza come fa a passare di li? (come del resto nelle altre zone di viale Ariosto già modificate?)" mi è stato risposto che sono troppo catastrofico e che comunque queste soluzioni servono per ridurre gli incidenti e se si risparmiano 10 incidenti e si intoppa un mezzo di soccorso... chissenefrega!!

Inoltre è stato detto che anche Via Gramsci che (definito dal Sindaco in persona) è un BUDELLO, in caso di ingorgo, l'ambulanza non passa. Io mi sono permesso di riscontrare comunque che il "BUDELLO" è così da una vita, non si possono buttare giù le case per allargare la strada, mentre viale Ariosto è stato trasformato!

Altra ciliegina sulla torta: la costruzione di nuove rotatorie e la modifica di altre diminuirà il traffico fermo ai semafori riducendo le emissioni del PM10 !! (NdW peccato che ormai il rinvio a giudizio è già arrivato) Che le riduciamo a fare se poi a 2km di distanza in linea d'aria ci mettono le ciminiere dell'inceneritore? BAH!!

Mi piacerebbe sapere anche il parere di altri sestesi o di zone limitrofe che, passando per viale Ariosto abitualmente, si trovano a combattere con le isole protettive per l'attraversamento pedonale con effetto secondario positivo di rallentamento e secondario grave di BLOCCO DEI MEZZI DI SOCCORSO IN CASO DI TRAFFICO FERMO!!!.

Domani (18 ottobre) dovrebbe uscire un articolo sul Corriere di Firenze; nella prima parte della serata era presente una giornalista che ha preso un blocchetto di appunti.

PS: durante la proiezione del progetto è stato bello sapere che il comune si pone ben "4 OBBIETTIVI" e che verranno realizzate anche delle belle "AIOLE"... (quest'ultimo in perfetto tema comico Pieraccionesco... OLA OLA OLA... VO' A DORMIRE NELL'AIOLA!! (cit. da IL CICLONE)

PS2: pare che ci siano 60gg di tempo per fare ufficialmente commenti sulle decisioni prese in fase di progetto... ma poi le prenderanno veramente in considerazione?

Oculus

Tags:

Assemblea Pubblica

by 15. October 2007 21:39
Domani sera 16 ottobre alle ore 21 presso il circolo la zambra c'è un'assemblea pubblica dove verrà presentato il progetto esecutivo delle modifiche al viale ariosto (tratto via rimaggio - via neruda).

Un grazie ad Oculus per la segnalazione.

Francesco


Tags:

Parlavamo di Piste Ciclabili ... ed ecco il PGTU

by 5. October 2007 11:16
Pochi giorni fa pubblicavo una mail (qui) di un utente che lamentava la grave mancanza di piste ciclabili sul territorio Sestese.

Ieri l'Ufficio Stampa del Comune riporta che la Giunta ha approvato il "Piano Generale del Traffico Urbano", e udite udite, sono previsti ben 32 Km di piste ciclabili fra le altre cose.

Ovviamente siamo solo al primo passo della macchina burocratica e prima che le intenzioni si trasformino in realtà è probabile che passi un po' di tempo. Comunque l'importante era dare avvio ad un processo di ammodernamento della viabilità. Ed è quello che sta accadendo oggi. Sarebbe carino poter "toccare con mano" dove questi 32 Km di percorso ciclabile sono stati distribuiti. Vi ricordo che non sempre è possibile partecipare alle decisioni dell'Amministrazione, va quindi sfruttata l'occasione offerta tramite vari incontri non ancora ufficializzati.

Tags:

Servizi Web: SaltaLaCoda, salta il servizio ?

by Sanghino 28. September 2007 10:14

Ricevo e volentieri pubblico questa mail che illustra il non funzionamento di un servizio web presente sul sito istituzionale del Comune.

Dal 2005 (o forse anche prima) è attivo un servizio a Sesto Fiorentino molto utile ai cittadini: si chiama SALTALACODA. In collaborazione con altri comuni della provincia di Firenze permette (o almeno permetterebbe) di ricevere messaggi SMS gratuitamente sul cellulare per informare tempestivamente il cittadino di eventuali incidenti o chiusure di strade per lavori in corso e per evitare quindi di trovarsi imbottigliati.

Ho scritto "permetterebbe" perchè in realtà ho tentato più volte di registrarmi al servizio senza ottenere nulla. La registrazione tramite SMS non ha mai funzionato e tantomeno il servizio di registrazione via internet. Un bel giorno, continuando a leggere sul sito del comune che esiste questo servizio, tento nuovamente la registrazione e scopro che il provider è stato cambiato e riesco a registrarmi ma.... solo ai servizi di Firenze. Sesto Fiorentino è sparito dall'elenco dei comuni.

Oggi, navigando nel sito del comune, vedo ancora attivo il servizio con la seguente descrizione: "Sesto - Info:Traffic - Le emergenze del traffico a Sesto, le interruzioni e i blocchi stradali. Dove? Gratis sul tuo cellulare. [...] è possibile iscriversi direttamente via web.".
Detto fatto... ci riprovo!! Risultato? Eccolo qui:

http://cittainforma.ribesinformatica.it/user/Firenze/home.asp
SERVIZIO SOSPESO

In effetti la pagina indica come ultimo aggiornamento il 2005... ma siamo nel 2007!!!!

Eppure che strano i messaggi del comune di Firenze mi arrivano ancora puntuali e sono anche utili!!

E' bello che un comune come Sesto Fiorentino sia così ben informatizzato e con tanti siti da gestire (forse troppi... basterebbe quello istituzionale) ma un sito, per avere successo e per essere utile, deve essere anche aggiornato in ogni suo punto e non solo nelle news!!

L'Osmannoro è territorio sestese, spesso accade che per un banalissimo incidente il tempo di percorrenza della Lucchese passi da poco piu' di 8 minuti a ore. Un tempestivo SMS eviterebbe in quel caso a molti cittadini di ritrovarsi bloccati nel traffico prediligendo strade alternative più scomode ma sicuramente di più veloce percorrenza.

Mail firmata

Tags: , ,

news | Politica

Una piccola critica: il Forum della Rete Civica

by 25. September 2007 23:06

Molti di voi amici lettori sicuramente sarete interessati ad internet e nello stesso tempo a Sesto Fiorentino (è l'unica spiegazione che mi do per la vostra visita :-) ), sicuramente sarete anche fruitori delle informazioni e dei servizi erogati dal Comune tramite web. Sinceramente devo dire che il sito web istituzionale (qui) messo a confronto con altri Comuni è sicuramente di buon livello (mio personalissimo parere) questo però non deve essere un motivo per non cercare di migliorarsi ancora per arrivare ancora più vicini ad una comunicazione globale con il cittadino. Siamo in piena era web 2.0 che tradotto in soldoni significa un web fatto dagli utenti per gli utenti.

Quello che manca nel portale cittadino è la discussione, fra chi amministra e chi viene amministrato, per la verità uno strumento ci sarebbe, il forum, ma così com'è concepito è inutilizzabile (lo dimostrano i pochissimi messaggi presenti e nessuna risposta ad essi). A parte che tecnicamente è proprio concepito male (fruibilità pressoché zero), il sistema di richiesta nuovo argomento può essere anche giusto, ma non basta. Dovrebbero essere individuate delle tematiche generali, per esempio sanità, viabilità, servizi all'infanzia ecc., in cui, previa registrazione poter discutere fra cittadini e con gli amministratori. Per esempio potrebbero essere inseriti automaticamente i comunicati stampa oppure le ordinanze o anche gli "odg" dei Consigli Comunali. Fatto questo il forum, sono convinto, "esploderebbe di vita" e magari potrebbe essere un valido strumento per il Sindaco, la Giunta ed il Consiglio per recepire gli umori dei cittadini ed anche fare proprie iniziative e proposte giunte dal "basso".

La mia qui vuole essere una critica costruttiva e nello stesso tempo una proposta di crescita.

Francesco

Tags:

Una mattina in Via Pasolini ...

by 25. September 2007 22:52
Per riprendere l'argomento piste ciclabili:

Via Pasolini, pista ciclabile o parcheggio ?


Tags:

Calendar

<<  July 2020  >>
MoTuWeThFrSaSu
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789

View posts in large calendar

RecentComments

Comment RSS
Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché non viene aggiornato con periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scrtto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Le opinione espresse qui rappresentano il mio personale punto di vista e di eventuali collaboratori e non rappresentano in nessun modo l'opinione delle Società o degli Enti che potrebbero essere citate e/o descritte. L'intestazione del blog contiene tre immagini tratte da Wikipedia e rielaborate, tali immagini sono coperte da licenza "GNU Free Documentation License" disponibile qui che ne garantisce la libera copia, distribuzione ed elaborazione avendo, Wikipedia, avuto dal soggetto che detiene i diritti (from the municipality of Sesto Fiorentino to it.wikipedia) la possibilità riservate dalla licenza sopra descritta (rif. Immagine stemma comunale). L'immagine della Porcellana di Doccia è sempre coperta dalla licenza sopra descritta con la limitazione dell'indicazione obbligatoria del licenziatario che è Sailko. L'immagine della Chiesa di S.Martino è sempre coperta dalla licenza sopra descritta ed è da attribure a Vignaccia76

© Copyright 2020 SestoFiorentino.Info