https://canlitv.center/

Al via i lavori su Viale Ariosto

by 18. January 2008 20:30
Il sito del Comune di Sesto Fiorentino ci informa che stanno per iniziare i lavori previsti per il secondo tratto di Viale Ariosto tra Via dell'Osmannoro e Via Pavese.

Il prossimo 21 gennaio verrà aperto il cantiere per la realizzazione della nuova rotatoria tra Viale dei Mille e via Neruda, la doppia corsia nella rotatoria che interseca via dell'Osmannoro e (purtroppo -ndr-) il restringimento di carreggiata su gran parte del tratto del viale.

"Entrambe le opere sono già state finanziate dall'amministrazione comunale per una spesa prevista di circa 580.000 euro" si legge sul sito del Comune. Ricordo che tale intervento doveva essere totalmente finanziato con i 550.000 euro che la TAV dava al nostro Comune con accordi per ripagare il disagio dell'alta velocità.

Altri 25.000 euro (presi da fondi a disposizione e quindi che non graveranno sui contribuenti) serviranno per mettere a norma le barriere architettoniche presenti sui marciapiedi di entrambi i lati del viale. Questo viene fatto in seguito alle segnalazioni dei cittadini.

Tags:

Piove sempre sul bagnato ...

by 15. January 2008 13:57
In queste giornate piovose, non solo di acqua, ma anche di polemiche e battaglie su quale dovrà essere il nostro futuro dei rifiuti, si abbatte una vera e propria "tempesta". Parlo della notizia della chiusura dell'inceneritore di Terni.
Il mio invito è solo per leggere le cronache riportate dai quotidiani:

Ansa
Repubblica
Corriere della Sera
e più in generale nelle News di Google

Insomma non c'è bisogno che vi aiuti ad esprimere il vostro giudizio, siete in grado da soli, è vero anche che stiamo parlando di un impianto vecchio di 32 anni, di sicuro le attuali tecnologie sono migliori, però si ha la dimostrazione che questo tipo di impianti rappresentano sempre e comunque un rischio. E siccome poi i cittadini sono sempre gli ultimi a sapere le cose e ad avere i mezzi per controllare i controllori ....

Tags:

Raccolta differenziata al 70%

by 11. January 2008 18:00
Ho deciso finalmente di parlarvi della mia esperienza di raccolta differenziata in una cittadina del Piemonte che di tanto in tanto frequento per brevi periodi.

Devo dire che lassu' le cose sono state prese veramente sul serio, ho saputo addirittura che in alcuni paesi limitrofi i cittadini possono essere multati se conferiscono materiali sbagliati all'interno del tipo di differenziazione del giorno. Addirittura mi hanno raccontato che un uomo, fuori dalla porta del suo ufficio, mentre stava buttando una buccia di banana nel cestino pubblico (dove va buttata solo carta) è stato rimproverato da un vigile che gli ha fatto recuperare il rifiuto considerato umido e di buttarlo nel proprio cestino differenziato all'interno dell'ufficio.

In questa provincia si raccoglie ben il 70% di differenziata!! Non mi sono ancora informato su che fine faccia il 30% di indifferenziabile; sicuramente non nell'inceneritore che è stato costruito tempo fa e che non è mai entrato in funzione perché pare sia stato progettato male (anche li... soldi spesi inutilmente). I tecnici del comune di Campi e dei comitati antinceneritore andranno probabilmente anche a visitare questa realtà.

Sinceramente, appena arrivato in questa famiglia che mi ha ospitato per una settimana, mi sono subito trovato davanti una situazione impensabile per il nostro modo di differenziare: cestino dell'umido, cestino della carta, sacchetto per la plastica e uno per lattine e vetro. Naturalmente ho sbagliato in pieno la differenziazione i primi giorni ma piano piano mi sono abituato. Tutte le sere va messo fuori dalla porta il contenitore giusto che nottetempo viene svuotato e rimesso al suo posto.

È stato bellissimo accorgersi poi che per le strade non si vede un cassonetto!! Da noi invece si vedono i cassonetti con intorno sacchetti, materassi, reti, tv o water abbandonati. Solitamente intorno ai cassonetti c'è anche puzza; li no!! Senza cassonetti ... niente puzza!!

Insomma ora è diventato più semplice anche per me, quando mi trovo in quella casa, sapere dove vanno gettati i vari rifiuti. non è difficile... basta impegnarsi un po'... ma neanche tanto!!

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA È QUINDI FATTIBILE VERAMENTE!!! Prima di vedere quella realtà non lo ritenevo possibile ma ora ne sono fermamente convinto. Certo! Ci vogliono controlli e inizialmente qualcuno a cui rivolgersi per le informazioni ma, tempo poche settimane, tutti possono essere in grado di fare una buona differenziazione dei rifiuti.

Tags:

Alcuni punti fermi.

by 11. January 2008 15:57
La discussione sui metodi di smaltimento dei rifiuti ha animato un po' il blog negli ultimi giorni. La novità Thor pare abbia spaventato sia i politici che alcuni esponenti dei comitati e questo, sinceramente spaventa me e chi come me ha la speranza che possa essere un sistema migliore degli altri.
Facciamo un passo indietro. Qui da noi la prima cosa da attuare, e mi sembra che in linea generale siamo tutti in accordo, è un sistema di raccolta porta-a-porta in quanto, per adesso, si è visto che rappresenta l'unico sistema che nello stesso momento contiene la produzione di rifiuti e massimizza (fino a 80%-85%) il recupero di materiali riciclabili. Questa è la condizione minima.

Andiamo avanti.

Facciamo l'ipotesi di essere già nella condizione migliore di riciclo sopra indicata. Rimane quel 20% di indifferenziato, dobbiamo scegliere quale strada prendere. Discarica ? Sarebbe meglio di no ... Inceneritore ? Vade retro .... al momento rimane una soluzione sicura, il trattamento meccanico-biologico (i così detti impianti a freddo), ed un sistema sperimentale di cui esiste un prototipo funzionante e che probabilmente entro il 2008 entrerà nella sua fase industriale di produzione attiva, il Thor.
Senza conoscere troppo bene come lavora Thor, con il suo uso è probabile che quel 20% di indifferenziato possa essere ulteriormente ridotto, in quanto una sua peculiarità è proprio quella di separare i materiali. Farebbe schifo a qualcuno recuperare un altro 5% (è una cifra sparata lì, ma anche fosse solo l'1% non cambierebbe niente) ? No, ditemelo perchè altrimenti la discussione finisce qui, si va tutti a casa e chi si è visto si è visto.

Continuiamo ad andare avanti.

I costi. Thor e meccanico-biologico sembrerebbero avere cifre simili per quanto riguarda il costo di smaltimento di una tonnellata di rifiuti, mentre mi pare di capire che Thor sia molto più economico in fase di realizzazione dell'impianto. Non scordiamoci un aspetto fondamentale. Thor potrebbe anche essere posto sottoterra, deturpazione ambientale prossima allo ZERO (ci saremo risparmiati quei 180.000 € che andranno a finire nelle tasche di chi ci dirà come fare il nostro bell'inceneritore).

Adesso aspettiamo di conoscere i dati sull'impatto ambientale, ma quello che sopra ho riportato mi parrebbe sufficiente per NON SCARTARE questo nuovo sistema così in maniera pressapochistica come già esternato da qualcuno.

Aspetto commenti.

Tags:

I cittadini contano zero?

by 9. January 2008 22:16
Leggo ora una news del Comune di Sesto Fiorentino datata 8/1.

Termovalorizzatore, via al concorso per l'inserimento paesaggistico

Ebbene: a quanto pare sembra proprio di si!! A quanto pare è tutto vero: in provincia se ne fregano altamente del risultato del referendum che a Campi Bisenzio lo scorso 2 dicembre ha decretato la vittoria non solo del NO ALL'INCENERITORE DI CASE PASSERINI ma anche la vittoria del NO ALL'INCENERIMENTO COME SOLUZIONE AL PROBLEMA RIFIUTI.

Quello che mi chiedo ora è: a cosa serve allora la manovra di Chini (sindaco di Campi B.) che ha accettato di mandare dei tecnici (2 del comune e 2 dei comitati) per verificare le tecniche alternative? È una semplice manovra politica per riottenere la fiducia dei campigiani per le prossime elezioni straordinarie di primavera?

Per accedere alla news del comune CLIKKA QUI.

Tags:

Rifiuti: le alternative ci sono, basta volerle e cercarle

by Sanghino 8. January 2008 11:52
La notizia, come si suol dire, cade a fagiolo, la riporto così com'è stata pubblicata nella sezione dei comunicati del CNR. Io personalmente non ero a conoscenza di questo progetto, mi piacerebbe conoscere anche altri pareri. Se però le cose stanno come riportato, senza sorprese sgradite, mi sembrerebbe il minimo mettere in dubbio l'uso degli inceneritori ...

Rifiuti: arriva Thor, il sistema di riciclaggio "indifferenziato"

Quanto sia oneroso e problematico il trattamento dei rifiuti, lo dimostra la "tragedia" della Campania alla quale media e istituzioni stanno prestando la loro allarmata attenzione in questi giorni. Ma i rifiuti solidi urbani, com'è noto, possono rappresentare anche una risorsa. In questa direzione va Thor, un sistema sviluppato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche insieme alla Società ASSING SpA di Roma, che permette di recuperare e raffinare tutti i rifiuti e trasformarli in materiali da riutilizzare e in combustibile dall'elevato potere calorico, senza passare per i cassonetti separati della raccolta differenziata.

Un passo oltre la raccolta differenziata e il semplice incenerimento, con cui i rifiuti diventano una risorsa e che comporta un costo decisamente inferiore a quello di un inceneritore. Thor (Total house waste recycling - riciclaggio completo dei rifiuti domestici) è una tecnologia ideata e sviluppata interamente in Italia dalla ricerca congiunta pubblica e privata, che si basa su un processo di raffinazione meccanica (meccano-raffinazione) dei materiali di scarto, i quali vengono trattati in modo da separare tutte le componenti utili dalle sostanze dannose o inservibili.

Come un "mulino" di nuova generazione, l'impianto Thor riduce i rifiuti a dimensioni microscopiche, inferiori a dieci millesimi di millimetro. Il risultato dell'intero processo è una materia omogenea, purificata dalle parti dannose e dal contenuto calorifico, utilizzabile come combustibile e paragonabile ad un carbone di buona qualità.

"Un combustibile utilizzabile con qualunque tipo di sistema termico", aggiunge Paolo Plescia, ricercatore dell'Ismn-Cnr e inventore di Thor, "compresi i motori funzionanti a biodiesel, le caldaie a vapore, i sistemi di riscaldamento centralizzati e gli impianti di termovalorizzazione delle biomasse. Infatti, le caratteristiche chimiche del prodotto che viene generato dalla raffinazione meccanica dei rifiuti solidi urbani, una volta eliminate le componenti inquinanti sono del tutto analoghe a quelle delle biomasse, ma rispetto a queste sono povere in zolfo ed esenti da idrocarburi policiclici. E' possibile utilizzare il prodotto sia come combustibile solido o pellettizzato oppure produrre bio-olio per motori diesel attraverso la "pirolisi". L'impianto è completamente autonomo: consuma infatti parte dell'energia che produce e il resto lo cede all'esterno."

Il primo impianto THOR, attualmente in funzione in Sicilia, riesce a trattare fino a otto tonnellate l'ora e non ha bisogno di un'area di stoccaggio in attesa del trattamento; è completamente meccanico, non termico e quindi non è necessario tenerlo sempre in funzione, anzi può essere acceso solo quando serve, limitando o eliminando così lo stoccaggio dei rifiuti e i conseguenti odori. Inoltre, è stato progettato anche come impianto mobile, utile per contrastare le emergenze e in tutte le situazioni dove è necessario trattare i rifiuti velocemente, senza scorie e senza impegnare spazi di grandi dimensioni, con un costo contenuto: un impianto da 4 tonnellate/ora occupa un massimo di 300 metri quadrati e ha un costo medio di 2 milioni di euro.

L'impianto può essere montato su un camion o su navi. In quest'ultimo caso, la produttività  di un impianto imbarcato può salire oltre le dieci tonnellate l'ora e il combustibile, ottenuto dal trattamento, reso liquido da un "pirolizzatore", può essere utilizzato direttamente dal natante o rivenduto all'esterno.

"Un impianto di meccano-raffinazione di taglia medio-piccola da 20 mila tonnellate di rifiuti l'anno presenta costi di circa 40 euro per tonnellata di materiale", spiega Paolo Plescia. "Per una identica quantità, una discarica ne richiederebbe almeno 100 e un inceneritore 250 euro. A questi costi vanno aggiunti quelli di gestione, e in particolare le spese legate allo smaltimento delle scorie e ceneri per gli inceneritori, o della gestione degli odori e dei gas delle discariche, entrambi inesistenti nel Thor. Quanto al calore, i rifiuti che contengono cascami di carta producono 2.500 chilocalorie per chilo, mentre dopo la raffinazione meccanica superano le 5.300 chilocalorie".

Un esempio concreto delle sue possibilità? "Un'area urbana di 5000 abitanti produce circa 50 tonnellate al giorno di rifiuti solidi", informa il ricercatore. "Con queste Thor permette di ricavare una media giornaliera di 30 tonnellate di combustibile, 3 tonnellate di vetro, 2 tonnellate tra metalli ferrosi e non ferrosi e 1 tonnellata di inerti, nei quali è compresa anche la frazione ricca di cloro dei rifiuti, che viene separata per non inquinare il combustibile". Il resto dei rifiuti è acqua, che viene espulsa sotto forma di vapore durante il processo di micronizzazione. Il prodotto che esce da Thor è sterilizzato perchè le pressioni che si generano nel mulino, dalle 8000 alle 15000 atmosfere, determinano la completa distruzione delle flore batteriche, e, inoltre, non produce odori da fermentazione: resta inerte dal punto di vista biologico, ma combustibile".

Un'altra applicazione interessante di Thor, utile per le isole o le comunità dove scarseggia l'acqua potabile, consiste nell'utilizzazione dell'energia termica prodotta per alimentare un dissalatore, producendo acqua potabile e nello stesso tempo eliminando i rifiuti soldi urbani.

Roma, 7 gennaio 2008

La scheda
Che cosa: Thor (Total house waste recycling) sistema per il recupero e la raffinazione dei rifiuti solidi urbani
Chi: Istituto di studi sui materiali nanostrutturati (Ismn) del Cnr
Per informazioni: Paolo Plescia, Istituto di studi sui materiali nanostrutturati (Ismn) del Cnr, tel. 06.90672826, e-mail: paolo.plescia@ismn.cnr.it, p.plescia@assing.it

Ufficio Stampa Cnr Rosanna Dassisti
tel. 06.4993.3588
rosanna.dassisti@cnr.it

[fonte CNR News]

Tags:

Integrazione

by 7. January 2008 09:32
Finita l'Epifania, finite le feste Natalizie. Oggi riaprono le scuole, finiscono le vacanze in attesa della settimana bianca o al caldo di qualche spiaggia esotica per chi può permetterselo (a riguardo vorrei dedicare un pensiero alle persone scomparse in Venezuela, specialmente a quelle due bimbe).
Insomma, tutto sembra tornare verso la normale routine e, purtroppo, questa "normalità" prevede anche il persistere di certi problemi relativi all'integrazione di comunità straniere. In particolare mi riferisco alla comunità cinese.

Diciamocelo chiaramente, il numero di cinesi residenti è una incognita e non è neanche facile avere una percezione che ci aiuti a quantificare, la loro comunità è molto chiusa, tendono a dotarsi di una organizzazione sostitutiva delle istituzioni, hanno quindi una loro assistenza sanitaria (se così la possiamo definire), l'istruzione non è per tutti, vivendo spesso negli stessi luoghi da loro adibiti e predisposti alle attività produttive.

Evidentemente la situazione non è buona per queste persone, ma in special modo per i bimbi, ancora una volta sono loro i più colpiti da questa situazione di disagio. Proprio stamani si legge un articolo drammatico, un bimbo di neanche due mesi morto nel letto dove stava dormendo perchè schiacciato, erano in sei a dormire in quel letto. Assurdo.

E qui il mio invito alla PA, io di certo non chiedo nessuna guerra razziale, chiedo solo una maggiore tutela della dignità e dell'infanzia. Chiedo che siano adottati sistemi utili a favorire l'integrazione. Cerchiamo dei compromessi, parliamo con chi all'interno di queste comunità è più influente. Cerchiamo di evitare che accada ancora una cosa come sopra illustrata e come riportata dalla cronaca locale.

Tags:

Sesto Fiorentino su YOUTUBE

by 3. January 2008 15:22
Il comune di Sesto Fiorentino ha creato un proprio CANALE VIDEO su YouTube per presentare video riguardanti il comune stesso.

La maggior parte di queste piccole clip riguardano interviste rivolte al Sindaco Gianassi e documentazione di inaugurazioni (centro alzheimer, fiera di primavera, caserma dei Carabinieri).

Oltre ai video ufficiali, su altri canali di privati cittadini, è possibile vedere molto di più. Come pubblicizza nel suo BLOG aLe a Sesto ci sono realtà per i giovani che vogliono dilettarsi in gare di Go-Kart o semplicemente fare un po' di sano Skateboarding!! Qualcuno ha ripreso parti dei concerti in piazza, chi la mostra di rettili e chi ancora segue gli andamenti degli scavi archeologici o la realizzazione della Perfetti Ricasoli.

Si possono trovare, ad oggi, più di 140 video eseguendo una semplice ricerca con Sesto Fiorentino come parola chiave!! In fondo con un normale telefonino economico oggi è possibile realizzare video di buona qualità...

Ad esempio: vi ricordate i lavori per piazza della Chiesa? Beh se ve li siete persi (luglio 2005/novembre 2006) date un occhio a questo video: http://www.youtube.com/watch?v=CTTe5DrY5Cw (di Mauro Ciampolini). Una cronistoria fotografica di più di un anno di lavori riassunti in meno di 3 minuti!

Tags:

Buon Anno Nuovo a tutti !!!

by 31. December 2007 18:52

capodanno

Buon 2008 a tutti i lettori, collaboratori e simpatizzanti !!!

Tags:

Ladies and Gentlemen .... Campi Bisenzio Blog !!!

by 28. December 2007 15:13
Il pregiatissimo Oculus, dall'alto della sua esperienza professionale, riesce a "vedere" ogni singolo byte della rete ... e da buon net-surfer ha scovato il Blog di Campi Bisenzio. (Non so se la cosa sia andata così effettivamente ... ma tant'è ...)

Mi ha fatto estremamente piacere notare che il link verso Sestofiorentino.info è già presente, ricambio quindi il favore e nel farlo vorrei rivolgere un caloro benvenuto e fare un grosso in bocca al lupo a Fabio (il Blogger).

E' bello vedere un web così in fermento, dove tante persone sentono l'esigenza di esprimere i propri pensieri e di confrontarsi con gli altri. Adesso aspettiamo nuovi blogger e nuove iniziative per creare un network che copra un po' tutto il territorio della piana.

Ciao e buon 2008 !!!

Tags:

Calendar

<<  April 2020  >>
MoTuWeThFrSaSu
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910

View posts in large calendar

RecentComments

Comment RSS
Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché non viene aggiornato con periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scrtto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Le opinione espresse qui rappresentano il mio personale punto di vista e di eventuali collaboratori e non rappresentano in nessun modo l'opinione delle Società o degli Enti che potrebbero essere citate e/o descritte. L'intestazione del blog contiene tre immagini tratte da Wikipedia e rielaborate, tali immagini sono coperte da licenza "GNU Free Documentation License" disponibile qui che ne garantisce la libera copia, distribuzione ed elaborazione avendo, Wikipedia, avuto dal soggetto che detiene i diritti (from the municipality of Sesto Fiorentino to it.wikipedia) la possibilità riservate dalla licenza sopra descritta (rif. Immagine stemma comunale). L'immagine della Porcellana di Doccia è sempre coperta dalla licenza sopra descritta con la limitazione dell'indicazione obbligatoria del licenziatario che è Sailko. L'immagine della Chiesa di S.Martino è sempre coperta dalla licenza sopra descritta ed è da attribure a Vignaccia76

© Copyright 2020 SestoFiorentino.Info