https://canlitv.center/

Caserma Donati: un caso urgente

by 14. March 2008 11:34
Lo stato della ex caserma Donati preoccupa molto i residenti, specialmente quelli di Quinto Basso. Le proteste non sono mancate, raccolte di firme sono già state fatte, ma per adesso la situazione non muta, i circa duecento occupanti rimangono li. E vi rimangono nonostante le precarie condizioni igenico-sanitarie certificate dall'ultimo sopralluogo effettuato dall'ASL.
A preoccupare poi non è solo la situazione igienica in cui vivono queste persone, è anche la già certificata presenza di materiale potenzialmente pericoloso all'interno dell'area: stiamo parlando di amianto. Qui però mi nasce un dubbio e magari chi ne è informato potrebbe illustrarci meglio la situazione. Alcune persone mi avevano detto che il Ministero della Difesa non era più titolare della proprietà, mentre oggi, su La Nazione, leggo che il Sindaco ha intimato allo stesso Ministero di smaltire al più presto questo materiale pericoloso. Cercherò maggiori informazioni in merito, non vorrei fosse il solito rimbalzo di responsabilità ...

Tags:

Scippi e Borseggi, i consigli della Polizia ...

by 28. February 2008 11:42
Ecco di seguito quello che la Polizia di Stato consiglia alla cittadinanza per evitare, o per lo meno limitare molto, problemi con scippatori e cercate di seguirgli il più possibile:

  • Borseggi e scippi sono tra le più fastidiose e pericolose azioni che la microcriminalità commette contro i cittadini.
  • Gli scippatori generalmente operano in moto o motorini, quindi, per quanto abili e spericolati, hanno bisogno di un minimo di spazio per agire e di manovra per il mezzo; fate il possibile per non lasciarglielo.
  • Gli scippi possono essere compiuti anche a piedi: quando sentite o notate che qualcuno compie movimenti sospetti portatevi fuori dalla sua traiettoria.
  • Sono sempre di più i casi di scippatori che agiscono in due, o più, con l'auto, affiancando le vittime prescelte e strappando loro violentemente la borsa.
  • Cerca nel limite del possibile, e per quanto le circostanze lo consentono, di rilevare tutti gli elementi utili per il riconoscimento degli scippatori e del mezzo usato.
  • Se sei vittima di uno scippo lascia la presa altrimenti potresti essere trascinato e travolto.
  • Cerca di non passare per luoghi solitari o poco illuminati.
  • Porta con te solo il denaro strettamente necessario.
  • Porta borse e borselli sempre rivolti al lato interno del marciapiede, possibilmente a tracolla, e dalla parte del muro, proteggendoli con l'avambraccio ed evitando di riporvi oggetti di valore e documenti.
  • Non tenere il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni o in borse che si aprono con facilità.
  • Evita di fare sfoggio di orecchini, catenine e altri oggetti d'oro preziosi o molto vistosi: considera che lo strappo può provocare seri danni fisici.
  • Diffida di chi sosta in luogo isolato apparentemente senza motivo.
  • Se il percorso che devi fare è lungo tieni sempre presente i punti di riferimento che possono esserti utili in caso di bisogno.
  • Se necessario rivolgiti sempre a persone che esercitano una pubblica attività o servizio: poliziotti, carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili Urbani, militari, personale in divisa, sanno come comportarsi e come aiutarvi.
[fonte : Polizia di Stato - Consigli]

Tags:

Microcriminalità: scippi e furti

by 28. February 2008 11:18
Oggi e nei giorni scorsi si hanno articoli sui quotidiani che debbono destare un po' di preoccupazione.
Si debbono registrare per lo meno due scippi ed un imprecisato numero di intromissioni in appartamenti da parte della "banda fantasma".

Vittime consuete degli scippi sono le donne, sembra che agiscano con due scooter ed hanno, come territorio di caccia, un po' tutta la piana. Di sicuro colpiscono a Sesto ed a Campi. Un invito quindi alle signore, non lasciate incustodite le borse, non tenete la borsetta sulla spalla rivolta verso la carreggiata e, se possibile, quando camminate sui marciapiedi e comunque lungo strada abbiate l'accortezza di avere il flusso del traffico che viene verso di voi.

Per i furti nelle abitazioni pare che i ladri abbiano adottato una tecnica tale per cui riescono a smontare con facilità le serrature delle porte, introdursi ed arraffare, per poi rimettere a posto la serratura in modo da non destare sospetti fino a quando non ci accorgiamo dell'assenza degli oggetti sottratti. Una cosa importante da dire è che l'abitudine di lasciare la chiave nella toppa durante la notte non implichi una difficoltà maggiore per l'ipotetico ladro, anzi, pare che sia l'esatto contrario. Il consiglio più semplice che ho sentito è quello di dotare il portone di casa di un "fermo" di sicurezza ulteriore. Ovviamente la sera quando andate a letto accertatevi sempre di aver chiuso porte e finestre, sopratutto se siete ai piani bassi.

Ovviamente i miei sono solo semplici consigli di un semplice cittadino, proverò a sentire se Polizia e Carabinieri possono in qualche modo fornirci una lista più esaustiva di azioni o atteggiamenti da adottare per evitare queste spiacevoli situazioni.

Tags:

Ridurre gli imballaggi per ridurre i rifiuti

by 24. February 2008 11:41
Sarebbe necessaria una legge che impedisca la produzione di imballaggi inutili per la vendita dei prodotti. Con una legge del genere sicuramente le discariche italiane conterrebbero meno rifiuti.

Perché scrivo una ovvietà del genere? La cosa è molto semplice: ieri ho acquistato per Euro 9,90 una scheda SD in un noto ipermercato.

Per questo oggetto, di circa 2,20 cm3, la confezione, in cartone all'esterno e in plastica all'interno, supera i 250,00 cm3.

Per i dettagli e le immagini vi rimando a questo articolo.

Tags:

Alloggi: quale la soluzione ?

by 21. February 2008 11:41
Da una parte 400 senza casa stanno occupando un ex ospedale in disuso, chiuso da anni, sulle colline sestesi. Moltissime le famiglie, che hanno adattato una loro stanza per poter dormire al chiuso e sopravvivere al freddo di questi mesi.

Dall'altra parte chi vuol recuperare la struttura e cederla a privati per farci probabilmente un albergo a cinque stelle.

La Sinistra non vuole "dimenticare la situazione", ma vuole che la struttura sia liberata di concerto con gli occupanti, con accordi che portino alla riduzione progressiva ma senza buttare su una strada donne, bambini, famiglie...

Dall'altra parte Partito Democratico, Forza Italia e Alleanza Nazionale, che hanno votato insieme un ordine del giorno concordando sulla necessità di liberare al più presto la struttura, anche con uno sgombero forzoso. Uniti dalla comune voglia di "pulizia sociale", perchè i poveri son brutti e spesso sporchi, e non devono stare nel nostro bel comune. Soprattutto se rompono le scatole a chi vuol costruire un bel pulito e ricco albergo.

E voi con chi state?

Marco Magherini

Tags:

BimboCard: botta e risposta fra PA e quotidiano

by Sanghino 20. February 2008 16:17

Leggevo oggi nella cronaca Fiorentina de La Nazione - QN, alla pagina dedicata a Sesto Fiorentino, un titolo che sul momento mi ha un po' sorpreso. Ma non devo essere stato il solo a sorprendermi, vista la nota stampa inoltrata dall'Amministrazione (qui).
L'articolo in questione tratta delle mense scolastiche e recita: "Mense scolastiche, parte la ristrutturazione", vi è poi un ulteriore titolo (non conosco il termine tecnico) immerso nel testo dell'articolo che dice : "Situazione: Troppi debiti non riscossi Sospesa la 'BimboCard'" ... ops, mi sono detto. Leggendo però non vi era nessuna menzione a sospensioni della BimboCard, vi era solo detto che erano sorti alcuni problemi di ordine "fiscale" e che probabilmente non sarebbe stata adottata dagli altri Comuni soci del consorzio.
Poi oggi pomeriggio è giunto il comunicato della PA a precisare la situazione. Ovviamente io non conosco l'ordine di grandezza dei problemi sorti con l'adozione della BimboCard, un po' di tempo fa però ho sottolineato quali erano stati i miei problemi a riguardo (qui), ma sopratutto i motivi per cui questo progetto, che sulla carta ha tutte le potenzialità per essere una bella cosa, nella realtà dei fatti nasce zoppo e continua ad esserlo (qui).

Tags: , ,

Peccioli: esempio di sperimentazione nuove tecnologie

by 20. February 2008 10:49
Fortunatamente in Toscana c'è anche chi ha voglia di sperimentazione e ricerca. Molti di voi saranno di sicuro a conoscenza della situazione di Peccioli, comune in provincia di Pisa, la dove dei rifiuti si è saputo creare un business di cui tutti i cittadini sono partecipi, dove discarica significa, pagare meno tasse ed avere più servizi e migliori (in molti casi anche gratuiti), un esempio per tutte le altre PA e consorzi vari.

La società Belvedere che gestisce il sito di Peccioli ha annunciato che entro la fine del mese sarà presentato il piano per la realizzazione di un impianto sperimentale per lo smaltimento dei rifiuti detto a "Dissociazione Molecolare". Ammetto di saperne zero, su Wikipedia c'è poco, sembra comunque una tecnologia promettente.

Meno male c'è chi si rimbocca le maniche, investe e i riscontri va a procurarseli senza per forza aspettare che siano sempre gli altri ...

Tags:

Stazioni Ecologiche di Quadrifoglio SPA

by 9. February 2008 11:55
La scena più brutta che si può vedere in una città è l'accatastamento indiscriminato di rifiuti ingombranti vicino ai cassonetti: materassi, reti, poltroncine, frigoriferi, ecc.

La scena più brutta che invece si può vedere poco fuori città sono i rifiuti abbandonati ai bordi delle strade: materiale edile, sanitari, divani, ecc.

Per i rifiuti ingombranti è possibile richiederne il ritiro gratuito a domicilio telefonando al numero 055 39 06 666 (dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 17,30).

Per il resto, che può essere trasportato autonomamente, ci si può recare direttamente presso la Stazione Ecologica più vicina.

Stazione Ecologica di Sesto F.no
Via Pozzi 3
Zona Padule

Dal Lunedi al Sabato dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.30
La seconda domenica del mese dalle 8.00 alle 13.00 (escluse le domeniche di festa).

In questa società, dove il consumismo fa da padrone, spesso le persone si disfano di cose ancora funzionanti o comunque utilizzabili. Per questo motivo è stato creato anche il mercatino del baratto, interno alle stazioni ecologiche, che è aperto Lunedi dalle 9.00 alle 12.00, Giovedi dalle 14.00 allle 18.00 e Sabato dalle 14.00 alle 18.00.

Portare i rifiuti ingombranti alla Stazione Ecologica è un atto di civiltà che rende le nostre strade e campagne più vivibili e pulite.

Tags:

Mappa dei termovalorizzatori / inceneritori in Italia

by 8. February 2008 21:46
Ho appena scoperto un nuovo sito che si prefigge lo scopo di inserire in una GOOGLE MAP l'elenco più possibile completo degli impianti di incenerimento nel nostro paese sfruttando un sistema cooperativo.

Il sito è www.termovalorizzatori.it.

Gli autori, che si firmano come Zhull & DrPiyoz, presentano così la loro idea:

"Solo unendo le competenze e le forze possiamo aspirare alle verità che ci vengono nascoste"

Noi non sappiamo se siano "buoni" o "cattivi". Noi abbiamo cominciato tracciando in modo chiaro "DOVE" sono. "CHI", "COME", "QUANDO" e "PERCHE'" vorremmo scoprirlo anche con il Vostro aiuto. Riteniamo che un simile argomento, così importante per tutta la comunità, vada affrontato in modo libero e meticoloso. Solo a quel punto potremmo decidere liberamente e far valere la nostra scelta.

Ogni utente, previa registrazione, potrà fornire indicazioni utili per localizzare ulteriori impianti.

Per ogni impianto una scheda mette in evidenza i dati relativi alla localizzazione, la mappa e la foto satellitare, proprietario e gestore dell'impianto, fotografie, video, links e blogs collegati. Ogni pagina non è altro che un post di un blog dove gli utenti potranno inserire eventuali risposte e notizie aggiuntive.

Le segnalazioni possono riguardare: inceneritori, termovalorizzatori, discariche autorizzate e discariche abusive.

Consiglio di fare quindi un click sul Primo Social Network Italiano per il Monitoraggio Ambientale su base Geomatica.

Qui di seguito la mappa interattiva di GOOGLE dei Termovalorizzatori:

Tags:

Piste ciclabili, pulizia, manutenzione e....

by 8. February 2008 13:25
Ieri, stupenda giornata di sole, ideale per fare un giretto in bicicletta poco prima dell'ora di pranzo.



Decido di utilizzare la zona universitaria dove è presente attualmente il tratto più lungo di pista ciclabile che collega via dell'Osmannoro all'ultima rotatoria di via Pasolini.

Non essendo una delle piste realizzate dipingendo marciapiedi si trova allo stesso livello della sede stradale, una via molto trafficata che è stata di recente ampliata trasformandola da due a quattro corsie (ai tempi dell'apertura dell'IperCoop). E' normale che lo spostamento d'aria dovuto alla normale circolazione delle autovetture e dei camion sposti la sporcizia sul tratto ciclabile. Oltre a resti di vegetazione ormai secchi, che occupano metà pista (vedi foto scattata all'altezza dell'autovelox), si trovano spesso, lungo il cammino, anche pezzi di asfalto e di pietre provenienti dalla rottura del manto stradale.

Sarebbe quindi auspicabile che un mezzo per la pulizia delle strade ogni tanto passasse a rendere praticabili e sicure le piste ciclabili di Sesto F.no. Non è necessario utilizzare una spazzatrice enorme, sicuramente quella piccola può benissimo pulire in un solo passaggio tutta la corsia rossa.

Da far notare anche l'abbattimento di due cartelli stradali (all'altezza della rotatoria con la fontana): uno dovrebbe segnalare un pericolo di USCITA AUTOMEZZI e l'altro l'inizio e la fine del tratto di pista ciclabile che da via Pasolini arriva alla zona universitaria costeggiando il deposito di materiale edile. Sullo stesso punto sarebbe da applicare anche un cartello che indichi la strada senza uscita o il divieto di accesso che poi si incontrerà all'altezza della cabina del Consiag.

Tags:

Calendar

<<  July 2020  >>
MoTuWeThFrSaSu
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789

View posts in large calendar

RecentComments

Comment RSS
Disclaimer
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica poiché non viene aggiornato con periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scrtto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Le opinione espresse qui rappresentano il mio personale punto di vista e di eventuali collaboratori e non rappresentano in nessun modo l'opinione delle Società o degli Enti che potrebbero essere citate e/o descritte. L'intestazione del blog contiene tre immagini tratte da Wikipedia e rielaborate, tali immagini sono coperte da licenza "GNU Free Documentation License" disponibile qui che ne garantisce la libera copia, distribuzione ed elaborazione avendo, Wikipedia, avuto dal soggetto che detiene i diritti (from the municipality of Sesto Fiorentino to it.wikipedia) la possibilità riservate dalla licenza sopra descritta (rif. Immagine stemma comunale). L'immagine della Porcellana di Doccia è sempre coperta dalla licenza sopra descritta con la limitazione dell'indicazione obbligatoria del licenziatario che è Sailko. L'immagine della Chiesa di S.Martino è sempre coperta dalla licenza sopra descritta ed è da attribure a Vignaccia76

© Copyright 2020 SestoFiorentino.Info